Semi e regali gratis in ogni ordine

Fino al 40% di SALDI

Spedizioni internazionali Gratuite*

Genetiche di alto livello

Scegli e mixa i semi

fase di fioritura della pianta di Cannabis

Fase di Fioritura della Pianta di Cannabis

La fase di fioritura nella pianta di Cannabis

Benvenuti a tutti in questo nuovo articolo del Manuale di Coltivazione, oggi dedicato all’importante fase di fioritura della Cannabis! Nel capitolo precedente abbiamo parlato della fase vegetativa della Cannabis come tappa fondamentale dello sviluppo. In questo capitolo analizzeremo insieme i tempi di fioritura per le colture indoor e outdoor, ma non solo. Un corretto nutrimento e il rispetto dei parametri di crescita saranno la base essenziale per andare ad approfondire, nel prossimo capitolo, come avviene settimana dopo settimana la fioritura della Cannabis!

fase di fioritura della cannabis outdoor

Cos’è la fioritura della Cannabis?

Quante volte abbiamo acceso una canna di erba killer e abbiamo pensato “come hanno fatto a renderla così buona?”. Possiamo rispondere che, caratteristiche genetiche a parte, gran parte del gioco si gioca nella fase di fioritura. In effetti, arrivare a questo punto senza carenze nutrizionali visibili non garantirà la tua scorta di preziosa erba personale!

La fase di fioritura della Cannabis è il momento dello sviluppo in cui la pianta inizierà a creare i primi germogli di Marijuana.

Si riconosce per la crescita repentina delle piante, seguita dai primi prefiori. Questo sarà, come vedremo, il momento giusto per separare le femmine dai maschi se si sono scelti semi regolari.

Questa fase può durare da 6 settimane per la genetica indica a oltre 20 settimane per la pura sativa. Nel mercato odierno, però, è difficile trovare semi autoctoni senza incontrare ibridi che, in media, hanno una fioritura che dura dalle 7-8 alle 12-14 settimane.

Indica, presenti principalmente nelle aree del Medio Oriente (come India, Pakistan, Afghanistan, Nepal, Mongolia, ecc.). Sono piante basse e compatte con una fioritura molto breve. Genetiche come Skunk 1#, Afghani e Northern Lights rappresentano le pietre miliari dell’odierno mercato della Cannabis Indica.

D’altro canto, Sativa è un parente originario delle zone dei tropici, dove l’estate è molto lunga. Si può ancora vedere crescere spontaneamente oggi (in aree come Giamaica, Colombia, Messico e Thailandia), ed è riconosciuta come piante alte con fioritura estremamente lunga. Varietà come Jamaican Pearl, Hawaiian Snow e Amnesia Haze sono ciò che consigliamo agli amanti delle vere qualità Sativa!

Inizio della fase di fioritura della Cannabis

Se le coltivi all’aperto, devi solo aspettare la riduzione delle ore di sole per far passare le piante dalla fase vegetativa alla fase di fioritura. Normalmente questo avviene verso la fine di luglio e l’inizio di agosto, poche settimane dopo il giorno con più ore di luce dell’anno (21 giugno). Se invece state coltivando indoor, il “solstizio d’estate” dovrà avvenire semplicemente cambiando il ciclo di luce delle vostre lampade. Sarà quindi sufficiente passare dal ciclo consigliato 18/6 (o 20/4) al 12/12.

Si può fare anche un ciclo 11/13 per aumentare la velocità di fioritura, a scapito della produzione.

Come accennato negli ultimi paragrafi, l’inizio della fase di fioritura della Cannabis avviene con la nascita dei primi fiori. Nel gergo dei coltivatori, sono chiamati pre-fiori e sono l’esatta indicazione di quale sesso si svilupperà presto la pianta. Una prima fase di stiramento accompagnerà poi la formazione dei primi calici. Puoi facilmente ridurlo continuando a crescere con la luce bianca, aspettando un paio di settimane in più per passare alle lampade HPS.

Parametri

I parametri ambientali da rispettare nella fase iniziale di fioritura della Cannabis sono praticamente identici alla fase vegetativa.

Infatti, una volta spostato il ciclo di luce a 12/12, le piante non cambieranno subito le proprie esigenze o abitudini.

La temperatura ambiente deve quindi essere di 18-21°C di notte e 28-31°C di giorno. Temperature troppo elevate potrebbero portare all’insorgenza di piaghe e infestazioni di insetti come il temuto ragno rosso. D’altra parte, temperature troppo basse potrebbero portare a muffe come Botyrtis, che porterebbero inevitabilmente a buttare via le parti infette del tuo prezioso raccolto!

L’umidità deve continuare ad essere media, in un range che può andare dal 40% al 65%. Anche l’umidità gioca lo stesso fattore della temperatura, bisogna evitare di raggiungere picchi troppo alti o troppo bassi.

Nutrimento Corretto

In questa prima fase di fioritura della Cannabis sarà comunque possibile continuare a somministrare azoto nelle proporzioni richieste in fase vegetativa.

Non modificare la dieta delle piante subito dopo aver modificato il ciclo di luce.

Infatti, nel periodo di transizione tra vegetativo e fioritura, la pianta mantiene le stesse esigenze nutrizionali. Un rapporto NPK di 6-3-2 sarà ottimale, senza dimenticare importanti oligoelementi come calcio, zolfo e ferro.

Gli acidi umici e fulvici possono accelerare il processo di decomposizione dei nutrienti del suolo, rendendoli immediatamente disponibili alle radici. Per questo consigliamo di coltivare la Cannabis con le Micorrize, uno speciale fungo che, vivendo in simbiosi con le radici delle piante di Cannabis, migliora e favorisce i processi di assorbimento, proteggendo le radici dagli attacchi dei parassiti.

fase di fioritura della pianta di Cannabis Outdoor

Fase finale di fioritura della Cannabis

Volevamo dividere in due la fioritura. La prima fase è quella in cui la pianta inizia la produzione di nuovi rami e dei primi fiori. La fase finale della fioritura è quella in cui i fiori devono essere gonfiati con resina scintillante, puliti dai residui minerali e preservati dalle alte temperature poiché degradano i terpeni e i principi attivi.

Sappiamo tutti quanto sia meraviglioso vedere le piante iniziare a mettere i loro preziosi primi fiori. Sarà però importante sapere come aspettare che i fiori siano pronti prima di poterli staccare e provarli. Se rimossi troppo presto, i fiori di Marijuana hanno principi attivi molto bassi e un sapore simile all’erba di campo. Non è consigliabile eseguire il test prima della comparsa dei pistilli rossi del 25%.

Pertanto, osservare quotidianamente lo stato di ossidazione dei pistilli ti aiuterà a capire quando la tua Marijuana sarà pronta. Questo è l’unico modo per dire ad occhio nudo quando la fine della fioritura della cannabis è vicina. Altrimenti dovrai acquistare un microscopio tascabile (60x andrà bene) per vedere lo stato dei tricomi.

Il microscopio è il modo più consigliato per decidere quando tagliare le tue piante di cannabis.

Parleremo dei due modi per capire quando la Cannabis sarà pronta nel prossimo articolo riguardante l’ultima fase di fioritura della Cannabis, continuate a seguirci!

fase di fioritura della pianta di Cannabis Indoor

Parametri

A questo punto la temperatura ambiente dovrà essere leggermente più bassa, stessa cosa per l’umidità. Sarà quindi bene avere dai 18° ai 25°C, con un’umidità del 40-50%.

Se stai coltivando genetiche di cannabis particolarmente produttive indoor, il rischio di sviluppare muffe nei fiori è molto alto se non utilizzi un adeguato sistema di ricircolo dell’aria nello spazio di coltivazione. All’aperto dovrai preoccuparti della pioggia e del maltempo, spesso presenti nelle zone più settentrionali alla fine della stagione estiva.

Nutrimento corretto

Noi di Annibale abbiamo voluto dividere in due la fioritura anche nei nostri concimi organici. Abbiamo analizzato come, dall’inizio alla fase di fioritura finale, le piante di Cannabis hanno richiesto nutrienti in diversi rapporti. Quindi, non sarà sufficiente utilizzare lo stesso fertilizzante durante tutta la fioritura per ottenere il massimo risultato!

Infatti, quando le piante smetteranno di crescere per dedicarsi esclusivamente alla formazione dei fiori, intorno alla 4-5° settimana (a seconda del ceppo coltivato), il fabbisogno di azoto (N) sarà decisamente minore, mentre un maggior apporto di il fosforo (P) e il potassio (K) saranno essenziali nello sviluppo di fiori di Marijuana grandi e pesanti.

5 Consigli sulla Fase di fioritura della Cannabis

Sappiamo quanto sia fondamentale rispettare le diverse esigenze delle piante di cannabis in questa delicata fase finale. Ad esempio:

  • L’azoto rimane uno dei nutrienti più richiesti nella prima fase di fioritura. Tuttavia, troppo azoto nella fase finale si tradurrà in un fiore con un odore e un sapore sgradevoli. In questo caso, le canne avranno difficoltà a bruciare.
  • Quando le piante iniziano la fase di fioritura, l’allungamento iniziale può essere un problema anche per il coltivatore più esperto. Sapere quando cambiare il ciclo di luci e lampade, o come trattare le piante per indurle a sviluppare gemme più basse non solo salverà la situazione, ma tirerà fuori anche il meglio dall’intero ciclo di crescita!
  • Cime grandi e lucenti possono indurre anche il coltivatore più paziente a rimuovere troppo presto le amate gemme. Saper attendere il momento migliore per la raccolta sarà quindi fondamentale per ottenere i migliori risultati. Essere pazientare!
  • Toccare troppo i fiori può portare alla degradazione prematura dei principi attivi della Cannabis. Il risultato è un fiore più povero di THC, CBD, aromi e oli essenziali.
  • Una luce con forti raggi UV-B aiuta lo sviluppo dei tricomi. Le lampade da coltivazione CFL contengono un’ampia gamma di raggi UV-B. Puoi quindi aggiungerlo saggiamente per aumentare la formazione dei preziosi tricomi di Cannabis!

fase di fioritura della pianta di Cannabis

E per oggi è tutto, continua a seguirci per saperne di più sulla prima fase di fioritura della Cannabis!

 

Davide, CEO Fondatore e Genetista

2 Commenti

  1. […] articolo, abbiamo scoperto rapidamente quali erano gli argomenti più frequenti riguardanti la fioritura della cannabis. Oggi andiamo ad analizzare meglio quella che sarà la prima fase, importantissima per garantire […]

    Rispondi
  2. […] Fioritura: senza dubbio la fase più attesa dal coltivatore, la fioritura è un altro momento delicato. L’umidità non deve superare il 50% (preferibilmente 40%), la temperatura non deve superare i 28° in quanto il calore degraderebbe il prezioso THC e gli oli essenziali. Se al chiuso, dovrai utilizzare una lampada potente (come una HPS o una CMH) per ottenere grandi raccolti. Se Outdoor/Guerrilla, dovrai prestare molta attenzione alle muffe alla fine della stagione estiva. La fine della fioritura è quando i boccioli sono abbastanza compatti da sviluppare la Botrytis e altre piaghe dove l’umidità è troppo alta. […]

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top